lunedì 9 aprile 2018

La II E colpisce ancora...



Sulla scia dell'importante lavoro svolto quest'anno sul tema della legalità, la II E è orgogliosa di condividere con le altre classi la propria partecipazione al concorso Angeli custodi: l’esempio del coraggio, il valore della memoria”, individuato dalla Fondazione Falcone per le celebrazioni del XXVI Anniversario delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio che si terranno il  23 maggio 2018 a Palermo. Abbiamo cercato di realizzare un lavoro in grado di descrivere il percorso formativo di crescita e di sedimentazione dei valori di legalità e giustizia compiuto attraverso letture, esperienze dirette, filmati e realizzazione di elaborati personali, nella consapevolezza che nella formazione delle coscienze dei più giovani è indispensabile far riferimento all'alto valore dell'esempio di chi ha anteposto la propria vita alla dedizione al proprio dovere. 

Ci auguriamo che la nostra canzone rap, realizzata con l'aiuto del professor Fantino, ci permetta di partecipare alle giornate di riflessione e commemorazione delle stragi mafiose sulla nave della legalità. 

martedì 27 marzo 2018

Cento passi verso ... Saluzzo




Saluzzo 21 marzo-XXIII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie: io c'ero...con orgoglio e commozione insieme alla classe 2E faccio mie queste parole, in rappresentanza dell'intero Istituto per urlare a gran voce che ogni giorno nelle nostre classi si lavora con grande passione per tracciare sentieri di legalità.

uno, due, tre, quattro, cinque, dieci, cento passi...
Questo ritornello è entrato nelle nostre orecchie e si è trovato un angolo nel nostro cuore per non dimenticare mai più l'emozione provata nel vivere questa esperienza.
Prima la marcia, poi l'ascolto in silenzio degli oltre novecento nomi e infine il collegamento con Foggia da dove don Luigi Ciotti ha incoraggiato a non arrendersi di fronte alla cultura della corruzione e dell'omertà, a provare ogni giorno ad estirpare l'atteggiamento mafioso che può inquinare le nostre coscienze. 

Nel pomeriggio per approfondire la vita e l'esempio di alcuni eroi, vittime della follia brutale della mafia, abbiamo assistito alla proiezione del documentario Generale sulla figura di Carlo Alberto Dalla Chiesa e alla rappresentazione teatrale sulla figura del giovane sognatore e rivoluzionario di Cinisi, Peppino Impastato.

martedì 20 marzo 2018

La Scuola che vorrei

Il GruppoNoi vi svela il progetto “LA SCUOLA CHE VORREI”: da settembre 2017, un gruppo di studenti della scuola 66 Martiri, coordinati dalla docente Luana Vannoni ed un operatore del Progetto GrugliascoGiovani, si sono incontrati per cercare insieme iniziative ed idee volte a migliorare l’ambiente che vivono quotidianamente.
I rappresentanti sono stati “incaricati ufficialmente” il 19 marzo alla presenza del corpo docenti dell’istituto e degli Assessorati all’Istruzione, Emanuela Guarino, e alle Politiche Giovanili, Elisa Martino.

Guardiamo il loro video!

domenica 18 marzo 2018

Relazione sul plastico della Centrale Idroelettrica della 3°C

MATERIALI UTILIZZATI
Componenti lego; Polistirolo espanso; Vaschetta di alluminio; Stuzzicadenti; Filo di rame; Colla vinilica; Coloranti acrilici; Scatola di cartone; Pennarelli colorati; Tubetti di gomma da 0,7 mm di diametro; Tubo di gomma da 15 mm di diametro; Tavola di legno (54,1 cm x 56,3 cm)

Il gruppo che ha lavorato per la realizzazione del plastico della centrale idroelettrica, ha scelto tale tematica per far vedere e comprendere come funziona una centrale. Utilizzando i materiali elencati nella tabella sopra riportata, si è riusciti a costruire un miniplastico che riproduce le funzioni che svolge la centrale idroelettrica.
L’idea di realizzare un plastico è partita da una bozza di un nostro compagno di gruppo, disegnata sul suo quaderno e successivamente riportata su carta millimetrata. Dal disegno sul foglio millimetrato siamo passati alle viste laterali per avere una visione di insieme. Queste viste facevano ben capire il funzionamento della centrale e l’utilizzo dei componenti della lego ha migliorato la visione  tridimensionale del complesso. 
 È stato in seguito sviluppato un modello virtuale tridimensionale del plastico su Autocad che rappresenta l’intero progetto da ogni possibile angolazione. 
Successivamente alla progettazione siamo passati alla ricerca dei materiali. Gli unici componenti di cui non eravamo provvisti erano i colori acrilici che sono stati utilizzati, alla fine della costruzione, per dipingere la montagna, la collina il prato e le due centrali.


FASI DELLA COSTRUZIONE DEL PLASTICO

Tagliare i pezzi di polistirolo espanso, prendere la tavola di legno (56,3 cm x 54,1 cm) come base di appoggio. Tagliare un primo strato di base di polistirolo espanso da mettere direttamente sulla tavola di legno (il polistirolo tagliato con un filo caldo). Successivamente tagliare i diversi strati della montagna (in totale 12), poi la collina e alcune parti della centrale inserendo il motorino. 
Seconda fase incollare gli strati di polistirolo espanso in modo decrescente. Poi  creare il letto del fiume e inserire la vaschetta di plastica (il lago ad alta quota) in cima alla montagna. Il tubo utilizzato è stato quello da 0,7 mm di diametro, messo lungo l’altezza della montagna per poi entrare nel lago ad alta quota.  Mentre il tubo da 15 mm di diametro è stato utilizzato per condurre l’acqua dalla condotta forzata al fiume e montato il motorino della centrale idroelettrica.
Collaudo per verificare perdite d’acqua nel percorso. L’acqua filtrava nel polistirolo, perciò abbiamo impermeabilizzato il percorso con colla vinilica e tempera blu per rendere l’effetto acqua.
Ultima fase colorazione delle parti e inserimento dei tralicci dell’alta tensione con gli stuzzicadenti legati uno all’altro tramite un filo di rame. Inserito un tappo per bloccare l’entrata dell’acqua dal lago di alta quota alla condotta forzata.


                                       Romano Lorenzo, Bessi Marco, Binello Simone

A cura della prof.ssa L. Genta

 

sabato 17 marzo 2018

Mail di ringraziamento da parte del Direttore dell'Istituto Musicale "Biondi" di Camerino

I Docenti di Strumento Musicale dell'I.C. "66 Martiri" di Grugliasco pubblicano la seguente mail di ringraziamento ricevuta da Vincenzo Correnti 
(Direttore dell'Istituto Musicale "Biondi" di Camerino). 

Desideriamo unirci alle toccanti parole di Vincenzo Correnti e ringraziare a nostra volta tutti gli alunni, i genitori e i Docenti delle Classi ad Indirizzo Musicale dell' I.C: "66 Martiri" e dell' ITI Majorana di Grugliasco che hanno contribuito alla realizzazione del concerto a scopo benefico del 26 Gennaio 2018.

GRAZIE A TUTTI QUANTI!

giovedì 15 marzo 2018

Italia-Mozambico: Adozione a distanza tra scuole lontane




E' un onore per le classi della nostra scuola anche quest'anno contribuire ad uno dei progetti proposti dalla onlus SO.LE. con cui collaboriamo da anni. La raccolta si è svolta in occasione di un interessante cineforum offerto a tutte le classi, durante il quale sono stati presentati tre film che hanno aiutato i ragazzi a riflettere su alcune piaghe che affliggono milioni di bambini e giovani in diverse parti del mondo: la negazione del diritto all'istruzione, la tratta dei baby calciatori, lo sfruttamento del lavoro minorile. Con l'avvicinarsi della Pasqua inoltre i ragazzi saranno invitati ad acquistare uova di cioccolato solidali per rendere ancora più cospicuo il nostro contributo che ammonta già a circa trecento euro. Queste iniziative sono estremamente importanti per favorire nei nostri ragazzi l'emergere di una mentalità aperta all'altro, di un atteggiamento di profonda e convinta solidarietà.